Fine della formula ‘aperitivo dove con 7 euro bevi un cocktail e ti fai una cena’? Non proprio o almeno non è ancora così. Di sicuro è nata una nuova offerta che mixa bar e cucina: è il risto cocktail, dove la miscela di superalcolici accompagna un finger food di livello, ma si intrufola anche nella cena. A Roma, la formula sembra avere avuto una particolare fortuna con Paolo Sanna del Bana Republic che organizza una serata a settimana abbinando i cocktail alle ricette delle cucina tricolore.

Luoghi uniti dal fil rouge dell’innovazione, come spiega Stefano Nincevich, giornalista ed esperto del mondo beverage. Per Dario Comini del Nottingham Forest di Milano o Giulia Galeotti del Corallo Caffè di Mesero in provincia di Milano, ad esempio, la parola d’ordine è “Molecular mixology”.  In pratica, racconta Nincevich, è la tecnica di chi, “per creare bevande inedite, applica la cucina d’avanguardia – quella di Ferran Adrià, del chimico Hervé This e di altri guru della gastronomia molecolare – alle conoscenze del barman”. Glasse, gelatine e spume, oltre a nuova attrezzatura entrano a fare parte del bagaglio professionale del barman che sforna ricette tipo il Red Gel Mama di Paul Tvaroh, barman che arriva dalla Repubblica Ceca e lavora a Londra. Prima si gelificano con fogli di gelatina gli ingredienti (Mama Juana, liquore tipico della Repubblica Domenicana, Bitter Campari, Martini Extra Dry e sciroppo d’agave) poi si raffredda e si versa il contenuto in un tumbler.

L’unione di “capsule e drink” è una delle invenzioni di Dario Comini ed è stato lui ad istruire i barman di Ferrian Adrià: dopo avere chiuso il mitico Elbulli,  Adrià ha inaugurato a Barcellona un locale con il cocktail bar 41 grados e il gastrobar Tickets.  Olive, patatine, pizzette, pasta fredda non possono reggere il confronto con invenzioni di questo calibro e sono state quindi pensionate per fare posto a mini hot dog, mini hamburger, lecca lecca al parmigiano e cornetti di olive nere con mousse di caprino. Altra roba.

Ma non è finita qui. C’è anche chi si diletta con la ‘cucina liquida’ utilizzando in modo innovativo lo shaker per mixare ingredienti (marmellate, salse e puree), e ‘maneggiando’ anche la piastra a induzione a induzione e una pentola per la preparazione artigianale di sciroppi di zucchero aromatizzati, riduzioni di liquori, infusi di distillati spezie e puree. Poi c’è chi si rivolge agli amanti del bio con germogli ed erbe da coltivazioni organiche.

Un panorama molto vario che passa per il recente Carlo e Camilla in segheria di Cracco a Milano (con il barman Filippo Sisti), arriva a Torino allo Smile tre di Denny Zoppi e scende fino a Sciacca in Sicilia dove Gianluca Nardone si è specializzato nei dessert drink ispirati ai dolci tipici siciliani. Intanto cresce il numero di corsi dedicati alle proposte per un happy hour differente e prendono quota siti come foodpairing.com dove scegli un’ingrediente, lo ‘incroci’ con abbinamenti strani e scegli il gusto che fa per te. Per esempio digiti Tequila e scopri che si abbina con l’asparago. Da lì parte una nuova ricetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Youcook, cuochi si diventa. Ecco il sito per mettersi alla prova con ‘web contest’

prev
Articolo Successivo

Il Luogo di Aimo e Nadia: “Rigorosi in cucina. Ma bisogna anche divertirsi”

next