Quando Dolce&Gabbana lo avevano detto solo pochi giorni, “la famiglia è quella tradizionale, non ci convincono i bambini sintetici e gli uteri in affitto”, avevano stupito tutti. Entrambi omosessuali dichiarati da anni a Panorama avevano detto la loro su un tema delicatissimo scatenando una tempesta di reazioni.

Quella più forte arriva dal Regno Unito e da un numero uno della musica nonché baronetto della Regina: Elton John. L’artista, sposato dallo scorso dicembre con il compagno storico David Furnish, ha avuto due figli da una madre surrogata grazie alla fecondazione artificiale.

“Il vostro pensiero arcaico – afferma il cantante – è superato, come i vostri vestiti. Non indossate Dolce&Gabbana. Come vi permettere di chiamare sintetici i miei figli?” scrive Elton John su Instagram che è genitore di Zachary, di quattro anni, e di Elijah, di due anni.

Il cantante spiega di considerare una “vergogna” la critica che i due stilisti rivolgono alla fecondazione in vitro, una tecnica considerata da John “un miracolo che ha permesso a una moltitudine di persone che si amano, sia omosessuali sia eterosessuali, di poter realizzare il loro sogno di diventare genitori”. E così l’artista ha lanciato una sorta di campagna contro i due stilisti italiani con l’hashtag #BoycottDolceGabbana. elton john

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Enzo Miccio: “Non so niente della lettera del Corriere. Sono in Francia, sto facendo altro”

prev
Articolo Successivo

Varoufakis su Paris Match, bufera sul web contro ministro greco. E lui si pente

next