Fine dell’impennata, almeno per questa settimana. L’ascesa della Lega Nord nei sondaggi frena e già c’è chi collega questa leggera flessione allo scontro interno tra il segretario federale Matteo Salvini e il sindaco di Verona, poi defenestrato, Flavio Tosi. Fatto sta che il Carroccio perde terreno in tutte le rilevazioni di oggi, 13 marzo. Per Ixè perde lo 0,7%, per Swg il calo è dello 0,6. A questo si aggiunge la rilevazione di Lorien Consulting che oltre a registrare una flessione dello 0,5 ha anche suggerito l’ipotesi che il consenso per i leghisti sia arrivato ormai al massimo.

Secondo il sondaggio Ixè per Agorà (Rai3) il Pd si consolida primo partito italiano al 38,5% (+0,2%), ma scende la fiducia in Matteo Renzi e nel governo: rispetto alla precedente rilevazione il primo perde un punto percentuale (dal 42 al 41%) e due il secondo (dal 34 al 32%). Da notare che secondo gli elettori del Pd l’azione di Renzi viene rafforzata dalla rottura del Patto del Nazareno: lo pensa il 57% contro il 18. Quanto all’altro firmatario, Silvio Berlusconi, il 56% (contro il 31) degli italiani pensa che tornerà “protagonista” della politica. Tornando alla fiducia nei leader, al primo posto resta Sergio Mattarella (che passa dal 73 al 74%). Dietro di lui e Renzi tutti gli altri: Salvini (al 22% e in calo di due punti), Grillo (al 15%, in crescita di due punti), Berlusconi e Alfano (passati entrambi dal 13 al 14%). Nelle intenzioni di voto si nota un andamento simile a quello dei leader, a parte il Pd: il Movimento 5 Stelle cresce dello 0,8% (arrivando al 19,3%) mentre la Lega Nord scende dello 0,7%, attestandosi al 13,5%. Comunque con Salvini è d’accordo – secondo Ixè – il 66% degli elettori leghisti, anche se Tosi ottiene un non trascurabile 20%. Forza Italia, invece, si ferma al 12,6%. Il dato sull’affluenza alle urne, intanto, si attesta al 59,6%.

Per Swg, invece, a scendere oltre alla Lega sono anche Pd e M5s. Questo il quadro complessivo (tra parentesi il risultato della scorsa settimana): Pd 39,2% (39,8), Ncd 3,8% ( 3,4), M5s 16,5% (17,0), Fi 16,0% (14,7), Lega Nord 13,0%(13,6), Fdi 2,2% ( 2,3), Sel 3,2% ( 2,9), Prc 1,2% ( 0,9), Verdi 1,0% ( 0,7), Italia unica 0,6% (0,8).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Euro, Di Battista: “Siamo schiavi del nazismo centrale del Nord Europa”

next
Articolo Successivo

Razzismo, l’Italia di Salvini e quella di Mohammed

next