Prima sono state pubblicate le foto da bambino ora l’emittente britannica Sky News ha pubblicato in esclusiva la prima foto che ritrae il boia dell’Isis Jihadi John, identificato come Mohammed Emwazi, ai tempi in cui frequentava l’università londinese di Westminster quando era poco più di un ragazzino ed era lontano il suo presente da assassino di ostaggi inermi.

Nell’immagine il giovane jihadista, la cui identità è stata svelata ieri, indossa un cappellino da baseball, ha i baffi e il pizzetto. La foto di Emwazi è stata recuperata dagli archivi dell’università in cui il terrorista si è laureato in informatica. Jihadi John ha frequentato l’istituto, si legge nella sua scheda, dal 2006 al 2009.

Emwazi era conosciuto ben prima del suo viaggio in Medio Oriente per unirsi ai terroristi dello Stato Islamico, nel 2012, e ora a Londra ci si interroga proprio su come questo studente di informatica laureatosi con buoni voti abbia potuto evitare le maglie del rigoroso controllo dei sospettati nel Regno Unito. A Londra è sempre più forte la polemica. Il premier britannico David Cameron è dovuto intervenire per difendere i servizi segreti di sua maestà dopo le accuse all’MI5 di aver contribuito alla sua radicalizzazione, arrivate da alcuni attivisti, e di esserselo lasciato sfuggire in quanto nel 2010 era già stato arrestato a Londra. Cameron ha definito gli agenti come “straordinari, determinati e coraggiosi”, sottolineando che la priorità è rendere incapace di agire chi minaccia i cittadini britannici. Come del resto è Emwazi che nato in Kuwait 27 anni fa è residente a Londra dall’età di sei anni insieme ai genitori, a un fratello e due sorelle.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, Jihadi John: il londinese medio e riservato diventato macellaio in Siria

prev
Articolo Successivo

Mosca, ucciso in un agguato leader opposizione ed ex vicepremier Nemtsov

next