Kirk Douglas, 98 anni, si racconta a Repubblica in una lunga intervista: “Amo il mio lavoro. Come ai bambini piace giocare ai cowboy, quando reciti continui a giocare”. Tra ricordi dell’Italia in particolare di Roma (proprio nella capitale ha girato Spartacus di Stanley Kubrick) e propositi per il futuro, Kirk vuole arrivare a spegnere 100 candeline. “Ai miei 100 anni spero di avere intorno mio figlio Douglas e sua moglie Catherine, Anne e tutta la mia famiglia e poi di bermi un buon drink. Il segreto per vivere così a lungo è stare con le persone che ami e ammiri e giocare con i bambini più che puoi. Ho anche uno splendido rapporto padre e figlio con Michael, nonostante alcuni momenti difficili; gli ho scritto una poesia”. In gran forma, nonostante l’età, Douglas si è reinventato scrittore ed ha pubblicato un libro di poesie, “Life could be verse“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Una vita” di Massimo Fini: “l’autobiografia di un collega raro, con cui si litiga spesso”

next
Articolo Successivo

“Confesso che ho indagato”: il libro di Michele Giuttari, detective del Mostro di Firenze

next