Nei campi di sterminio non c’erano solo gli ebrei. Certo niente può essere paragonabile al peso e al senso della persecuzione ebraica, ma perché dimenticare gli altri? Nei campi di sterminio c’erano gli omosessuali, i Sinti, i Rom, i testimoni di Geova e anche i prigionieri politici che non fanno più parte della memoria collettiva. I gay portavano sulla divisa un triangolino di tessuto rosa e le lesbiche un triangolino nero; erano 50.000, senza contare le vittime omosessuali del programma tedesco “notte e nebbia” che faceva sparire gli indesiderabili senza lasciare tracce.

Nel nostro Paese nessuno ricorda questa persecuzione nelle rituali ricorrenze, non se ne parla nelle scuole, né sui giornali (escluso il nostro), né meno che mai in televisione, come non si ricordano i bimbi sinti o rom finiti nelle camere a gas. I Rom e i Sinti portavano il triangolino marrone e furono uccisi in 500.000 con il lavoro forzato e le camere a gas. “Porajmos” nella loro lingua è il termine usato per dire lo sterminio della loro gente.

campo di sterminio

E poi c’erano i politici: dei 40.000 deportati italiani, più di 23.000 erano politici (22.204 uomini e 1.514 donne) Ne furono uccisi 10.129. A questi uomini e a queste donne noi dobbiamo se la più formidabile Resistenza in Europa è stata quella italiana: solo in Italia per esempio fu possibile organizzare due scioperi generali durante l’occupazione – nel ’43 e nel ’44 – contro la guerra e per il blocco dei rifornimenti tedeschi, coinvolgendo 500.000 lavoratori, solo nel nostro paese alcune città – come Napoli, Genova e Milano – furono liberate dalla Resistenza e non dagli Americani. A loro dobbiamo un clima che consentì dopo la Liberazione di scrivere una delle più belle Costituzioni del mondo.

A questi uomini e a queste donne, con il triangolino rosso e la scritta IT sulla divisa a righe, e ai nostri 180.000 partigiani dobbiamo il nostro onore ritrovato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liguria, la dottrina del ‘tapullo’: così si corre verso l’Orizzonte del 2020

prev
Articolo Successivo

Il racconto di Thomas Beller – Spegni il computer, la verità è nel buio

next