La legge obiettivo destinò alle grandi opere 383 miliardi di euro. Un tesoro. Ma il costo è cresciuto del 40 per cento. E soltanto l’8 per cento dei progetti è stato terminato.
Siamo andati a vedere come potrebbero essere utilizzati altrimenti i miliardi destinati alle opere più discusse. A cominciare dalla Brebemi, l’autostrada lombarda dove dovevano transitare 60mila auto al giorno e che invece ne vede passare soltanto 20mila. Doveva costare 1,4 miliardi, ma i costi sono cresciuti di un miliardo. Totale 2,4 miliardi. Mentre in Italia si destinano soltanto 1,4 miliardi alla ricerca biomedica.
C’è anche il Terzo Valico, realizzazione dall’utilità molto discussa. Di certo c’è soltanto che interessa alle lobby e alla politica. Nelle intenzioni dovrebbe collegare via treno la Liguria alla Pianura Padana. Costo previsto: 6 miliardi di euro. La stessa cifra richiesta per ristrutturare le scuole italiane che perdono i pezzi. Oppure per compiere gli interventi di prima necessità per prevenire le alluvioni.
Infine le grandi opere finite in mega sprechi. Come il progetto per il G8 della Maddalena. Costo 500 milioni. Sarebbero bastati per rinnovare metà del parco treni per i pendolari italiani.
Un’inchiesta con l’intervento di Luca Mercalli.
E voi che cosa ne pensate?



Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sogni, vorrei i vostri

next
Articolo Successivo

Cara Mineo e gli altri, evitiamo i ghetti per i migranti. Gli esempi virtuosi ci sono

next