Le assicurazioni Generali scaricano Standard&Poor’s. Il gruppo triestino ha infatti chiesto all’agenzia di rating di non essere più valutato. Una decisione, spiega la nota diffusa in serata, “si basa sull’inflessibilità dei criteri adottati da S&P nel tener conto del significativo miglioramento della solidità finanziaria di Generali raggiunta negli ultimi due anni”. “Inoltre – aggiunge il comunicato – il collegamento automatico al rating sovrano applicato da S&P non riconosce l’alto livello di diversificazione del Gruppo né i benefici della sua ampia presenza geografica”. In pratica il Leone di Trieste ha deciso di smarcarsi come reazione al declassamento subito lo scorso dicembre, quando l’agenzia statunitense ne ha tagliato la valutazione da A- a BBB+ per adeguarla a quella della Penisola, ridotta pochi giorni prima e al cui debito sovrano il gruppo è fortemente esposto.

La scelta di Generali, si legge, “fa seguito ad un’approfondita analisi, nell’ambito della quale sono stati consultati anche investitori e altri stakeholder”. “In linea con la prassi di mercato”, la compagnia guidata da Mario Greco continuerà ad essere valutata da Moody’s, Fitch e AM Best. S&P dal canto suo ha confermato di aver ritirato i rating legati ad Assicurazioni Generali su richiesta del gruppo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conflitto di interessi, ministro Boschi non era in Consiglio dei ministri su popolari

next
Articolo Successivo

Cairo communication, nel 2014 ricavi in calo. Ma La7 torna all’utile: 6,2 milioni

next