La commissione Lavoro della Camera ha dato l’ok per la nomina di Tito Boeri alla presidenza dell’Inps. Con 27 voti favorevoli e solo uno contrario (quattro le astensioni) è stato così approvato il parere del relatore Sergio Pizzolante (Ap). Una decisione che segue i dubbi sollevati da diversi schieramenti della Camera riguardo alle capacità manageriali dell’economista di gestire l’ente di previdenza. Il primo a sollevare la questione sulle capacità dell’economista era stato proprio lo stesso Pizzolante che aveva chiesto una verifica sull’effettiva “capacità manageriale e una qualificata esperienza nell’esercizio di funzioni attinenti al settore operativo dell’ente” di Boeri. Una verifica che, con il successivo endorsement del rappresentante di Area Popolare, ha avuto esisti positivi.

La nomina, annunciata dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante il cdm della vigilia di Natale, aveva colto di sorpresa un po’ tutti, compreso il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e, per alcuni, era quindi necessaria una verifica sull’adeguatezza di Boeri a ricoprire la carica. Anche Renata Polverini (Forza Italia), vicepresidente della commissione, aveva chiesto che Boeri fosse sentito sul nuovo incarico: “Tutti conosciamo il curriculum accademico di Boeri e nessuno ne mette in dubbio l’autorevolezza”, aveva comunque precisato l’ex governatore della Regione Lazio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russia, S&P declassa il giudizio sul debito di Mosca: “E’ spazzatura”

prev
Articolo Successivo

Agricoltura, testato drone-contadino per tagliare i costi produttivi

next