Standard & Poor’s ha declassato la Russia, portando il giudizio sul debito di Mosca a livello “junk”, spazzatura. Lo ha fatto sapere la stessa agenzia di rating in un comunicato, dicendo che “la flessibilità della politica monetaria della Federazione Russa l’ha indebolita, così come le prospettive di crescita economica”, con il giudizio che potrebbe subire un ulteriore calo nei prossimi 12 mesi. Il merito di credito sulle emissioni russe in valuta estera è passato da livello BBB- a BB+, con prospettive negative, mentre quelle in valuta locale sono scese da BBB a BBB-.

Un ulteriore taglio del rating, nel 2015, potrebbe avvenire nel caso in cui “i cuscinetti fiscali peggiorassero ancor di più nei prossimi 12 mesi, a una velocità più rapida delle stime”, dicono da S&P. L’agenzia sostiene che l’indebolimento del sistema finanziario russo stia limitando anche la capacità di azione della Banca Centrale Russa che, così, si trova a dover prendere decisioni monetarie sempre più complicate, tenendo conto che deve anche preoccuparsi di sostenere la crescita del Pil. “Le sfide derivano dal deprezzamento del rublo – si legge nel report – e dalle sanzioni imposte dall’Occidente per il ruolo del Cremlino nell’Est dell’Ucraina, così come quelle imposte dalla Russia”.

Proprio la crescita del prodotto interno lordo, si legge nel comunicato di S&P, sarebbe più bassa rispetto a quelle dei Paesi con un reddito pro-capite comparabile tra il 2015 e il 2018: S&P, infatti, prevede una crescita del Pil russo dello 0,5% in questi tre anni, ben al disotto del 2,4% degli anni precedenti. “Vediamo questa proiezione di crescita cambiata come l’eredità di un rallentamento dell’economia che era già iniziato prima dei recenti sviluppi in Ucraina – continua l’agenzia di rating – Essa dipende anche da una scarsità di finanziamenti esterni a causa dell’introduzione di sanzioni economiche e del forte calo del greggio“. A poche ore dalla notizia, la valuta russa era in calo di oltre il 6,5% contro il dollaro, con la moneta americana scambiata a 67,87 rubli, mentre un euro ne vale 76.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Imu su terreni agricoli montani, torna esenzione totale per 3.456 Comuni

prev
Articolo Successivo

Inps, via libera della commissione Lavoro della Camera alla presidenza Boeri

next