La nuova sezione “Palazzi e Potere” del ilfattoquotidiano.it sbarca in Parlamento. Con un’interrogazione presentata da Sinistra ecologia  libertà (Sel), a firma del capogruppo alla Camera Arturo Scotto e di Giovanni Paglia, e rivolta direttamente al presidente del Consiglio, Matteo Renzi. I due deputati chiedono al premier di chiarire la vicenda del nuovo «Codice di comportamento e di tutela della dignità e dell’etica dei dirigenti e dei dipendenti», della quale ieri abbiamo dato conto con un articolo di Antonio Pitoni e Giuseppe Alberto Falci.

Il testo dell’interrogazione  ricorda le «polemiche» che hanno accompagnato l’adozione del provvedimento che introduce «restrizioni del diritto di critica e della libertà di parola», nei confronti dei dipendenti e dei dirigenti di Palazzo Chigi, «assurde e inaccettabili in uno Stato democratico». E ricordando che «il diritto di critica è espressione della democrazia di un Paese ed è un diritto tutelato costituzionalmente» (dall’articolo 21 della Carta) e che, in particolare, «il diritto di critica dei lavoratori come pure il diritto di critica sindacale  rivestono una particolare importanza nell’ambito del nostro ordinamento giuridico», Scotto e Paglia chiedono al premier se «non intenda immediatamente abrogare» il decreto con cui è stato introdotto il nuovo Codice etico dei dipendenti della presidenza del Consiglio. «Le restrizioni del diritto di critica e della libertà di parola – concludono Scotto e Paglia – rappresentano imposizioni gravissime in uno Stato democratico come il nostro, oltre che incompatibili con i principi fondanti della nostra Carta Costituzionale che disciplinano la libertà di manifestazione del pensiero».

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo Presidente della Repubblica, il Parlamento vuole Romano Prodi

next
Articolo Successivo

Elisa Simoni, la cugina di Renzi si mette in proprio. Nuova corrente nel Pd

next