Dal museo alla città, l’arte “si attacca al tram”: è “Tracks, linguaggi d’arte urbana”, una mostra particolare e inconsueta inaugurata al museo Macro di Roma ma dilagata nel tessuto metropolitano in modo capillare. Il progetto propone, infatti, di unire la mostra stabile, allestita fino al 10 gennaio, a una serie di interventi artistici compiuti lungo la linea tranviaria numero 19, sia sulle pensiline che sui vagoni del tram. Sono tre i tram e cinque le pensiline (piazza Galeno, viale delle Milizie, via dei Castani, due a Valle Giulia) decorate con colori vivaci e soggetti stravaganti in questo viaggio ideale che unisce il “museo” alla “strada”.
L’idea è venuta agli studenti del Master of Art della Luiss che, debuttando in qualità di “curatore collettivo” al termine del percorso formativo sotto la guida di Achille Bonito Oliva (Responsabile scientifico del Master), l’hanno realizzata in collaborazione con Atac S.p.a..

L’obiettivo è intercettare nuovi impulsi creativi attraverso un dialogo continuo tra il “dentro” e il “fuori”, il centro e le periferie in una sorta di incontro-scontro che mette in relazione modelli sociali eterogenei. Il 19 parte da Piazza Risorgimento e arriva a Centocelle intercettando i punti nevralgici del patrimonio storico-artistico della capitale e, durante il percorso, inevitabilmente le diverse componenti sociali interagiscono. La mostra, dunque, è un interessante esperimento di apertura e di messa in relazione di aspetti umani, artistici e istituzionali che, seppur lontani all’apparenza, appartengono comunque allo stesso territorio. Il progetto offre inoltre l’occasione per una riflessione sulla Street Art come fenomeno estetico e sociale, ormai sdoganato all’interno del circuito ufficiale dell’arte e apprezzato dal grande pubblico.

I giovani curatori hanno quindi selezionato un gruppo di artisti legati per provenienza o per lavoro a Roma, invitandoli a interpretare le suggestioni della società contemporanea con linguaggi urbani: chi sui vagoni, come Diamond, Millo, NemO’S, Sbagliato, Solo e V3rbo, chi nelle pensiline in strada, come gli artisti del laboratorio Studio Sotterraneo, chi ancora negli spazi del museo, come Corn79, Camilla Falsini, Etnik, Fra.Biancoshock, Lucamaleonte, MrFijodor, Ozmo, Alice Pasquini, Gio Pistone, Edoardo Tresoldi, 108, ciascuno ha provato a coinvolgere a proprio modo la città e a comunicare con gli abitanti. “È l’arte che va incontro al pubblico, perché le opere escono dal museo e diventano alla portata di tutti”, ha spiegato il responsabile Achille Bonito Oliva.

Tappa fondamentale di “Tracks” è il Macro, in via Nizza, dove l’esposizione intende fotografare, in dimensione più ridotta, alcuni frangenti della creatività urbana, attraverso le opere di quegli artisti che hanno lavorato in particolare a Roma e che vanno dalle tradizionali tele e tavole a supporti più “urbani”, come segnali stradali e distributori di caramelle, proprio per sottolineare quanto un movimento nato in strada e per strada si stia, pian piano, facendo spazio anche all’interno dei circuiti museali.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Valentina Nappi, me e la critica musicale

prev
Articolo Successivo

‘L’Italia può farcela’ davvero? Il libro di Alberto Bagnai

next