La strategia del gruppo clandestino neofascista accusato di voler compiere attentati contro obiettivi istituzionali. Ecco l’intercettazione fra due indagati nell’ambito dell’inchiesta “Aquila nera” da cui si evincono i piani del gruppo che si rifaceva a Ordine Nuovo e che progettava attentati contro banche, questure, magistrati. “A grandi linee è come negli anni ’70”, dice uno degli intercettati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco indica le 15 malattie curiali: “Perdonateci per gli scandali”

prev
Articolo Successivo

L’Aquila, blitz neofascisti. Armi in Slovenia: “Mille euro a caramella (kalashnikov)”

next