Martedì scorso Nando Pagnoncelli di Ipsos Italia ha mostrato durante la trasmissione DiMartedì su La7 un cartello in cui appariva chiaramente quanto sia calata da giugno a oggi la percentuale di italiani e italiane che dichiarano di avere fiducia in Matteo Renzi. Secondo il sondaggio Ipsos, Renzi è passato da un gradimento massimo del 70% nel giugno 2014, a un calo continuo da luglio 2014 a oggi: 66% in luglio, 61% in settembre, 54% in ottobre, 51% una settimana fa, 50% oggi.

Si sta preoccupando Renzi per questo calo netto e continuo? Secondo me no, e ha ragione a non farlo perché, data l’assenza di una vera alternativa di centrodestra, in caso di elezioni il calo si tradurrebbe solo in astensione. E lui vincerebbe. Non a caso, ha definito l’astensione alle elezioni regionali di domenica scorsa “un problema secondario”. In una democrazia sempre più vicina al modello statunitense, in effetti lo è. Non sto dicendo che sia un bene, sto solo descrivendo la realtà.

Renzi -AlSisi-540

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agon Channel, in Albania la seconda vita degli ex divi della televisione italiana

prev
Articolo Successivo

Agon Channel: quando il sogno diventa realtà, o viceversa

next