Martedì scorso Nando Pagnoncelli di Ipsos Italia ha mostrato durante la trasmissione DiMartedì su La7 un cartello in cui appariva chiaramente quanto sia calata da giugno a oggi la percentuale di italiani e italiane che dichiarano di avere fiducia in Matteo Renzi. Secondo il sondaggio Ipsos, Renzi è passato da un gradimento massimo del 70% nel giugno 2014, a un calo continuo da luglio 2014 a oggi: 66% in luglio, 61% in settembre, 54% in ottobre, 51% una settimana fa, 50% oggi.

Si sta preoccupando Renzi per questo calo netto e continuo? Secondo me no, e ha ragione a non farlo perché, data l’assenza di una vera alternativa di centrodestra, in caso di elezioni il calo si tradurrebbe solo in astensione. E lui vincerebbe. Non a caso, ha definito l’astensione alle elezioni regionali di domenica scorsa “un problema secondario”. In una democrazia sempre più vicina al modello statunitense, in effetti lo è. Non sto dicendo che sia un bene, sto solo descrivendo la realtà.

Renzi -AlSisi-540

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agon Channel, in Albania la seconda vita degli ex divi della televisione italiana

next
Articolo Successivo

Agon Channel: quando il sogno diventa realtà, o viceversa

next