Il mondo della musica si mobilita contro l’epidemia di Ebola.  Sarà Bob Geldof a guidare un gruppo composto da 30 big della musica mondiale: tra gli altri Bono Vox, Adele, Chris Martin e gli One Direction. L’idea? Incidere un brano per raccogliere nuovi fondi da impiegare nella battaglia contro Ebola. Il creatore di ‘Band Aid’, il super gruppo che nel 1984 raccolse oltre 8 milioni di sterline con un singolo dedicato alla carestia in Etiopia, ha presentato oggi il progetto. La canzone – riporta la Bbc – sarà disponibile per essere scaricata in anteprima sul web da lunedì 17 novembre. La versione su cd arriverà, invece, fra tre settimane. La copertina dell’album, venduto al costo di 4 sterline, sarà disegnata dall’artista inglese Tracey Emin.

One Direction a Emeli Sande, Chris Martin, Rita Ora, Bono, Ellie Goulding e Sam Smith hanno registrato una nuova versione di ‘Do They Know It’s Christmas?‘. Il pezzo sarà  presentato domani durante la puntata di ‘X Factor‘ (versione inglese), in onda su Itv.  Bob Geldof fa sapere che l’inizio del testo è cantato dagli One Direction e spiega che il governo britannico ha rinunciato alle tasse sul singolo: l’intero incasso sarà quindi devoluto in beneficenza. Tra i partecipanti al progetto anche Ed Sheeran, oltre che Sinead O’Connor ed Emeli Sande. Nel testo della canzone sono state modificate alcune frasi e riadattate all’ emergenza attuale: “Non c’è pace e gioia questo Natale in Africa occidentale. L’unica speranza che la gente avrà, sarà quella di sopravvivere. Dove il comfort è da temere, dove ogni contatto fa paura, come si può credere che sia davvero Natale per tutti?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Vita da Bestie”, il surreale esordio letterario del batterista della Bandabardò

prev
Articolo Successivo

Paolo Nutini live, la Scozia incontra la Toscana nel soul di “Caustic Love”

next