Un risarcimento danni da 1,5 miliardi di euro. E’ questa la cifra che il Monte dei Paschi di Siena ha chiesto alla banca giapponese Nomura nell’ambito procedimento inglese sui derivati Alexandria e Santorini. A dare la notizia è stata l’agenzia americana Bloomberg, che cita un documento depositato in occasione della prima udienza. Secondo i legali della banca senese, ciò che giustifica la richiesta danni è la presunta consapevolezza dell’istituto che ha rilevato le attività europee di Lehman Brothers riguarda lo scopo dell’accordo: nascondere le perdite della Monte dei Paschi di Siena.

Il procedimento contro Nomura era partito il primo marzo di un anno fa quando il cda del Montepaschi aveva avanzato un’azione di responsabilità contro gli ex amministratori, Giuseppe Mussari e Antonio Vigni, e, appunto, Nomura in merito all’operazione di ristrutturazione del derivato denominato Alexandria, posta in essere nel luglio-ottobre 2009. Motivando l’azione di responsabilità, ora all’attenzione della giustizia italiana e anglosassone per quanto riguarda la banca giapponese, Mps chiedeva “la condanna in solido delle parti convenute al risarcimento dei danni subiti e subendi per effetto della contestata operazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

ImpresaLavoro: “Spesa sociale a 23,6 miliardi nel 2013. Triplicata in sette anni£

prev
Articolo Successivo

Alitalia, ok della Commissione europea all’ingresso di Etihad

next