Shoshana B. Roberts ha camminato lungo le strade di New York per dieci ore indossando un jeans ed una T-shirt nera. Davanti a lei un complice con una videocamera nascosta che ha ripreso la sua passeggiata. Durante il suo girovagare sono stati intercettati almeno 100 complimenti e commenti degli uomini che l’hanno incrociata. È il resoconto di un esperimento sociale volto a rendere conto della situazione spesso difficile con cui le donne devono fare i conti ogni giorno: una ragazza molto semplice che cammina guardando fisso davanti a sé e che non fa nulla per attirare l’attenzione, ma che invece si trova a doversi difendere da veri e propri assalti. E c’è persino chi la segue per ben 5 minuti, in rigoroso silenzio, ma imponendo la sua persona. Sono tutti sconosciuti. Ma la trattano come se avessero confidenza da sempre. L’esperimento è stato condotto dalla Onlus Hollaback!, che da anni si occupa di denunciare casi di street harrassement, molestie pubbliche, per strada. Per farlo si avvale di collaboratori sparsi in 79 città di ben 26 Paesi. L’idea del video nasce da Rob Bliss, della società Rob Bliss Creative che da agosto ha iniziato a collaborare col gruppo Hollaback

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pena di morte, illuminiamo di più Asia Bibi

prev
Articolo Successivo

Unioni civili e adozioni gay: caro Beppe Grillo, ti chiedo più chiarezza

next