Dopo l’apertura del premier Matteo Renzi al Movimento 5 Stelle per la nomina dei giudici della Corte Costituzionale, il senatore grillino Maurizio Buccarella commenta: “Siamo soddisfatti per il ritiro da parte del Pd della candidatura di Luciano Violante, bruciato dopo 20 fumate nere. Per noi i giudici della Consulta eletti dal Parlamento non possono avere la giacchetta di partito, le Camere sono state ferme per mesi ma non certo per causa nostra. Siamo stati i primi a voler sperimentare un metodo nuovo non avendo alcun interesse a nominare appartenenti al Movimento ma concentrandoci solo sui curricula. Evidentemente un sistema troppo ‘rivoluzionario’ per i partiti”. Su un candidato condiviso Pd-M5S, Buccarella non si dice “troppo ottimista” ma assicura “la nostra opposizione all’esecutivo Renzi continuerà. Non facciamo nomi sulla Consulta altrimenti rischiamo di bruciare il candidato”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, intesa Pd-M5s-Sel: “Indagini anche sui tempi di sopravvivenza”

prev
Articolo Successivo

Camera, Renzi riferisce sul prossimo consiglio europeo. Guarda la diretta

next