Tangenti e corruzione delle istituzioni. Un tema ancora d’attualità in Italia, a 22 anni dallo scandalo Tangentopoli che, nel 1992, sconvolse il Paese e smascherò un giro di mazzette che mise in ginocchio gran parte della politica nazionale. Una lezione che, però, non è riuscita a debellare un cancro che ancora oggi riesce a mantenere il controllo sulle alte sfere delle istituzioni italiane. Con l’intento di discutere e ricordare che la corruzione fa ancora parte della vita e della politica italiana è stato organizzato, per lunedì 20 settembre alle ore 18.00, al Teatro Menotti di Milano, l’incontro “Partiti per la Tangente”. Il dibattito, a cui parteciperanno due magistrati del pool di Mani Pulite, Piercamillo Davigo e Antonio Di Pietro, il direttore de Ilfattoquotidiano.it, Peter Gomez, e il condirettore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, è stato promosso dal consigliere regionale lombardo del Movimento 5 Stelle, Stefano Buffagni.

Lotta alla corruzione come punto di partenza per rilanciare un paese dove il fenomeno delle mazzette e dello scambio di favori è ancora d’attualità e che “seppur sotto nuove forme fa ancora troppo spesso da collante tra le istituzioni e il mondo imprenditoriale“. Le vicende del Mose di Venezia o lo scandalo delle tangenti per Expo 2015 sono solo gli ultimi casi di una prassi che, da Tangentopoli a oggi, si è solo trasformata ed evoluta, ma che non è mai stata cancellata. Questi scandali “sono solo la punta di un imponente e inquietante iceberg  che la politica avrebbe il dovere di scogliere, e che invece la vede ancora terreno fertile dove le radici del malaffare possono facilmente attecchire”.

“La cultura e la conoscenza – scrive Buffagni annunciando l’evento – sono le armi più forti che abbiamo per la lotta alla corruzione, un fenomeno che nel nostro paese genera costi altissimi per la collettività e che distrugge il mercato di chi fa buona impresa. L’obiettivo del dibattito è quello di comprendere il fenomeno per capire come combatterlo, quali strumenti mettere in campo per sconfiggere questa piaga, legislativi e non, e confrontarci su come gestire al meglio gli appalti pubblici, i più grandi bacini di tangenti nella recente storia italiana”.

Il dibattito, a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, darà la possibilità al pubblico di confrontarsi e scambiare opinioni con i giudici e i giornalisti presenti per poter, così, provare a immaginare anche scenari futuri che possano aiutare a cambiare rotta rispetto alla corruzione che, ancora oggi e non solo nel ’92, fa parte della quotidianità del Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Yara Gambirasio, Bossetti resta in carcere: respinta seconda richiesta di scarcerazione

next
Articolo Successivo

Ruby bis, difesa Minetti: “Le dimissioni del giudice Tranfa creano sospetti”

next