Il 25 ottobre, Piazza Dante alle 16.00, Napoli tornerà in piazza per una mobilitazione contro i roghi tossici che continuano ad avvelenare aria e territorio nonostante il decreto sulla Terra dei Fuochi. Attese decine di migliaia di manifestanti della società civile provenienti non solo dalla Campania che sfileranno al fianco dei cittadini che quotidianamente sono costretti a respirare i fumi derivanti dalla combustione illecita di rifiuti nelle province di Napoli e Caserta. “Questa volta non lasceremo la piazza se non con risposte concrete da parte delle Istituzioni – ha detto Angelo Ferrillo, organizzatore della manifestazione – Chiediamo immediatamente le dimissioni del Prefetto ad acta perché in due anni nulla è cambiato e nella Terra dei Fuochi continuano ad essere appiccati decine di roghi ogni giorno. Se non si riescono ad assicurare i servizi – conclude Ferrillo – perché continuare a pagare le tasse?” di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dopo trenta ore di occupazione, gli attivisti di Greenpeace lasciano la piattaforma Eni

prev
Articolo Successivo

Eni e il futuro della Sardegna: cosa rimarrà nel 2022?

next