Porte aperte alla bellezza, all’arte e alla storia. Solo pochi privilegiati hanno la fortuna di lavorare tutti i giorni circondati dagli splendidi capolavori del patrimonio artistico italiano: sono coloro che hanno il proprio ufficio nelle sedi storiche delle banche. Edifici di inestimabile valore che nascondono preziosi gioielli e che ogni anno, ormai da tredici anni, vengono aperti gratuitamente al pubblico. “Invito a Palazzo. Arte e storia nelle banche” è la manifestazione promossa dall’Associazione Bancaria Italiana che il 4 ottobre permetterà di visitare i tesori dell’arte custoditi nei palazzi degli istituti di credito, generalmente chiusi al pubblico perché luoghi di lavoro. 84 palazzi di ben 54 banche in 45 città di tutta Italia partecipano all’iniziativa e quest’anno 9 immobili storici saranno “in mostra” per la prima volta.

Da nord a sud, dalle grandi città come Roma, Milano, Torino, Bologna, Genova, Napoli fino alle più piccole, ma non per questo di minore valore, come Fano, Mantova, Frosinone, Bergamo, Spoleto, Chieti, Imola mostre, concerti, laboratori didattici, visite guidate in italiano e inglese in un intreccio di storia, cultura e tradizione accompagneranno i visitatori in questo percorso straordinario possibile solo una volta l’anno, il primo sabato di ottobre. Si potrà dunque ammirare la pala d’altare raffigurante la Pietà di Domenico Guidi a Roma nella Cappella del Palazzo del Monte di Pietà o nel cuore di Milano le Gallerie d’Italia che occupano un vasto complesso architettonico formato dai Palazzi Anguissola e Brentani e dalla sede storica della Banca Commerciale, progettata da Luca Beltrami agli inizi del secolo scorso, e ancora Palazzo Zacchei Travaglini a Spoleto che ha ospitato personaggi illustri come S. Carlo Borromeo e Giosuè Carducci, fino a Palazzo Strozzi a Mantova.

Secondo il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, è necessario sostenere e promuovere sempre più la tutela e la conoscenza dell’immenso patrimonio archeologico, artistico e architettonico nazionale con manifestazioni come “Invito a Palazzo”. Questo evento ha anche l’obiettivo di promuovere nuovi talenti e infatti il piccione viaggiatore, simbolo che contraddistingue questa XIII edizione del 2014, è il frutto della creatività di tre allievi dell’Accademia di Belle Arti Fidia di Stefanaconi vincitori del concorso indetto dall’Assaociazione delle banche italiane per sostenere il talento delle nuove generazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Civil Rights Movement: ‘I have a dream’, arte contro il razzismo

prev
Articolo Successivo

Ad alta voce 2014, Bergonzoni, Lucarelli, Sgarbi e Serra leggono per le vie della città

next