“In maniera simbolica abbiamo violato il meccanismo di blindatura. E lo rifarei”. Queste le prime dichiarazioni di Mario Avoletto, l’attivista fermato questa mattina dalle Forze dell’ordine dopo aver violato le mura di cinta della Reggia di Capodimonte (dove era in corso il vertice della Bce), appena uscito dalla Questura. “Per una giornata – ha proseguito Avoletto – sono venuti a offendere Napoli, la capitale della disoccupazione. E io sono salito su una scala per dire che nonostante un meccanismo di blindatura, chissà quanto costato, con solo una scala lo abbiamo bucato. “Sono salito reggendo un cartello e – ha aggiunto – si vedeva che c’era una sola persona, ma non hanno avuto timori ad utilizzare idranti e lacrimogeni a fronte di niente”. Avoletto ha poi raggiunto gli altri manifestanti che l’hanno accolto esultanti  di Andrea Postiglione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Montecitorio, manifestanti curdi contro Isis tentano irruzione alla Camera

next
Articolo Successivo

A Lampedusa i superstiti della strage del 3 ottobre. “Non fermate Mare Nostrum”

next