“In maniera simbolica abbiamo violato il meccanismo di blindatura. E lo rifarei”. Queste le prime dichiarazioni di Mario Avoletto, l’attivista fermato questa mattina dalle Forze dell’ordine dopo aver violato le mura di cinta della Reggia di Capodimonte (dove era in corso il vertice della Bce), appena uscito dalla Questura. “Per una giornata – ha proseguito Avoletto – sono venuti a offendere Napoli, la capitale della disoccupazione. E io sono salito su una scala per dire che nonostante un meccanismo di blindatura, chissà quanto costato, con solo una scala lo abbiamo bucato. “Sono salito reggendo un cartello e – ha aggiunto – si vedeva che c’era una sola persona, ma non hanno avuto timori ad utilizzare idranti e lacrimogeni a fronte di niente”. Avoletto ha poi raggiunto gli altri manifestanti che l’hanno accolto esultanti  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Montecitorio, manifestanti curdi contro Isis tentano irruzione alla Camera

prev
Articolo Successivo

A Lampedusa i superstiti della strage del 3 ottobre. “Non fermate Mare Nostrum”

next