“La Juventus quando gioca in Italia sembra aver grande personalità, quando va fuori sembra abbia dimenticato come si gioca al calcio”, dice Arrigo Sacchi. “Io e te abbiamo concetti diversi di calcio, o tu guardi un’altra partita o ne ho vista un’altra io. Credo che abbiamo cercato di vincere, e con la gestione della palla di limitare l’Atletico”, risponde piccato Massimiliano Allegri. In questa acida polemica, consumata in collegamento tra gli studi Mediaset e lo stadio Vicente Calderon appena terminato il match tra Atletico Madrid e Juventus, vinto dai castigliani 1-0, sta tutto il senso della Champions League: al di là della prestazione e del risultato brucia fondamentali energie nervose. Domenica, alle ore 18 a Torino, è già scontro al vertice in campionato tra Juve e Roma: a punteggio pieno dopo cinque giornate, arrivano al big match con sette punti di vantaggio sulle milanesi, otto sul Napoli, nove su Lazio e Fiorentina. Il campionato è già cosa loro.

Ma in settimana c’è stata la Champions, e per la prima volta Juve e Roma non hanno vinto. E anche se la sconfitta della Juve a Madrid e il pareggio della Roma a Manchester sono risultati tutto sommato buoni per la classifica europea, le conseguenze sono assai differenti. Grazie alla vittoria del Malmoe sull’Olympiakos, la Juve resta prima nel girone, e una sconfitta di misura in trasferta sul campo della rivale più temibile del girone ci può anche stare. Ma la prestazione in campo è stata assai negativa: l’atteggiamento da “primo non prenderle” che ne ha contraddistinto l’approccio, lo sterile possesso palla (oltre il 60%) che non ha portato a nessun tiro in porta, le evidenti difficoltà della difesa bianconera messa sotto pressione, l’opaca prestazione a centrocampo del guerriero Vidal e del gioiello Pogba (mai un gol in Champions), le tardive sostituzioni, l’incapacità di reagire al forcing madrileno. Certo, l’Atletico di Simeone è una delle squadre più difficili da affrontare, il Cholo almeno in partenza ha rinunciato lui stesso a una punta per ingabbiare i bianconeri, ma i madrileni restano lontani parenti dello squadrone che lo scorso anno con Diego Costa, Curtois e Felipe Luis vinceva la Liga ed espugnava Londra in semifinale di Champions.

All’opposto il Manchester City è squadra che gioca e lascia giocare, la cui difesa spesso non è protetta a sufficienza dalle stelle in attacco (basti vedere che l’inerzia della gara è cambiata, e il City cominciato a spingere, quando dopo un’ora Pellegrini ha tolto una punta come Dzeko e inserito un centrocampista come Lampard) ma la prestazione della Roma è stata assai più convincente di quella della Juve. Al di là delle occasioni (più tiri in porta della Roma rispetto al City) e del risultato (un pari cercando di vincere, contro la sconfitta cercando di pareggiare della Juve) la squadra di Garcia ha mostrato una convinzione nei propri mezzi ben superiore a quella di Allegri. Il pareggio per 1-1 all’Etihad Stadium ha definitivamente consacrato la Roma come grande squadra, e le scommesse di Sabatini come vincenti.

Da oggi Juventus e Roma, a Vinovo e a Trigoria, cercheranno di dimenticare la Champions e di pensare al primo dei due scontri diretti che decideranno il campionato, mancano trentadue partite, ma lo scorso gennaio con il 3-0 a Torino la Juve in pratica mise le mani sullo scudetto con venti giornate di anticipo, faranno la conta degli infortunati (Barzagli e Castan, Pirlo e De Rossi), e stabiliranno quelli più in forma per giocare. Ma la Champions è difficile da dimenticare, non tanto per i risultati quanto per gli strascichi. A Roma viaggiano sull’onda delle celebrazioni per Totti e per avere imposto il proprio gioco in casa dei campioni di Inghilterra. In casa Juventus invece resta la polemica tra Allegri e Sacchi, sintomo di vecchie ruggini e di nuovi malesseri di una squadra che domina in Italia e da troppo tempo fatica in Europa. La Champions questo fa, regala nuovi entusiasmi o li brucia irrimediabilmente. Il resto lo dirà il campo: domenica alle ore 18 a Torino, quando il campionato tornerà ad essere una questione privata.

Twitter @ellepuntopi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maradona allenatore della Palestina: c’è la trattativa, oggi la decisione definitiva

next
Articolo Successivo

Ranking Uefa, Italia al primo posto dopo i successi in Champions ed Europa League

next