Continuano le ruggini tra i due soci di Moby-Tirrenia. Vincenzo Onorato (nella foto) pubblica sui quotidiani economici una pagina a pagamento nella quale attacca il suo ex socio e l’amministratore delegato di Tirrenia per la mancata fusione tra i due gruppi, con ricorso a un arbitrato. Quello di oggi è solo l’ultimo atto di una questione finita in tribunale a giugno. Da una parte l’armatore e fondatore della compagnia privata Moby, dall’altra il fondo di private equity Clessidra guidato da Claudio Sposito. I due soci concorrenti sono in causa perché il presidente di Moby aveva duramente criticato il piano industriale proposto da Clessidra e approvato dalla Cin (Compagnia italiana di navigazione)

Ma le due parti in causa rimandano le accuse al mittente. “Io mi sento preso in giro – afferma Onorato in relazione alla battaglia in corso tra i soci della compagnia di trasporto marittimo privatizzata nel 2011 – perché gli accordi sottoscritti con il sorriso furono disattesi dopo pochissime settimane di lavoro. L’amministratore delegato di Tirrenia si schierò immediatamente con il socio finanziario (Clessidra) e la Tirrenia in breve divenne il peggior nemico di Moby”, spiega Onorato, che sostiene come “ogni soluzione prospettata, anche finanziaria, è stata rifiutata” e come la sua famiglia non faccia finanza, ma impresa.

Il fondo Clessidra guidato da Claudio Sposito giudica “gravissime e infondate le affermazioni” di Onorato e “si riserva di agire in ogni sede” nei suo confronti “a tutela della propria immagine e per il risarcimento del danno”. In una nota il fondo rileva in particolare che “la mancata fusione tra Moby e Tirrenia non è certo imputabile a Clessidra, ma dipende dal provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato“.

Secondo Tirrenia Compagnia Italiana di Navigazione “il piano industriale originario, approvato da tutti i soci, fu fatto prima dell’acquisizione del ramo d’azienda Tirrenia con i pochi dati disponibili. Solo in seguito si è palesato il sensibile deficit delle tratte in convenzione: per questa ragione è stata applicata una clausola del contratto che prevede la salvaguardia dell’equilibrio economico finanziario grazie alla quale è stato possibile rivedere alcune tratte in perdita”, afferma una nota. “L’amministratore delegato di Compagnia Italiana di Navigazione non si è mai schierato a favore di alcun socio, bensì dalla parte di Tirrenia lavorando costantemente con lo scopo di mantenere i livelli occupazionali, migliorare la flotta e i servizi, unificare i turni di lavoro, migliorare i conti della società, aprire un dialogo con le istituzioni sarde e sviluppare i rapporti con le istituzioni nazionali. Ad oggi tutti obiettivi centrati”, conclude la nota.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ebola, industrie di cioccolato temono virus: prezzi del cacao ai massimi dal 2011

next
Articolo Successivo

Esodati, è legge il ddl per la sesta salvaguardia a 32.100 persone

next