Biomattone su biomattone, l’azienda Equilibrium sta creando un nuovo modo di concepire le nostre abitazioni e l’edilizia più in generale. A Castelli Calepio, in provincia di Bergamo, dalle ceneri di un’azienda edile tradizionale schiacciata dalla crisi è nato nel 2011 il progetto che permette di costruire case che invece che contribuire alle emissioni di CO2, ne assorbono grandi quantitativi dall’atmosfera. “Secondo Life Cycle Assessment – una procedura internazionale standardizzata per valutare l’impatto di un prodotto sull’ambiente – per ogni metro cubo di calce e canapa posato, viene sequestrata dall’atmosfera una quantità di CO2 che varia dai 18 ai 60 chilogrammi a seconda del metodo e del materiale”, spiega Paolo Ronchetti, il 36enne general manager dell’azienda. Grazie alle sue caratteristiche il biomattone costituito da truciolato di canapa, calce e acqua, “contribuisce alla consistente riduzione dei consumi energetici, fino ad azzerarli, e a mantenere costanti temperatura e umidità. E’ un prodotto molto duttile, che può essere utilizzato sia per la costruzione ex novo di muratura verticale, sia per la riqualificazione energetica, isolando murature esistenti e coibentando pavimenti, tetti e sottotetti, inoltre è riutilizzabile e biodegradabile”, puntualizza Ronchetti. In Europa, in particolare in Francia, è una tecnica utilizzata dagli anni ’90, anche se è rimasto un settore di nicchia. L’azienda in Italia sta provando a diffondere questa tecnica costruttiva con un approccio aperto, per coinvolgere un pubblico più ampio raccontando i benefici abitativi e ambientali di questo materiale naturale. A Bisceglie è in corso di realizzazione il complesso abitativo in canapa e calce più grande d’Europa, progettato dallo studio di architetti Pedone Working. Si tratta di circa 60 appartamenti che saranno pronti tra 8-10 mesi: il prezzo di vendita è di circa il 10% superiore a quello di un’abitazione tradizionale, ma i costruttori ci tengono a sottolineare “il notevole risparmio che si avrà sulle bollette, visto che sono abitazioni a zero consumo energetico in linea con la direttiva europea che stabilisce i requisiti minimi per la prestazione energetica degli immobili di nuova costruzione a partire dal 2018”  di Mario Catania

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Quattro giornate per l’Ambiente’ a Napoli: la giustizia morbida con chi ci avvelena

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale dei parchi, a Milano il volontariato ‘verde’ diventa riscatto sociale

next