Tirrenia – Compagnia italiana di navigazione trasferisce la sua sede legale, dice addio a Napoli e trasloca a Cagliari. Lo ha annunciato l’assessore regionale dei Trasporti in Sardegna, Massimo Deiana, dopo il voto dell’assemblea dei soci del 24 settembre. “Si tratta di una notizia che definirei storica e che abbiamo atteso invano per decenni”, ha detto Deiana. Oltre al valore simbolico del trasferimento, non mancano le conseguenze pratiche: la Tirrenia-Cin “potenzierà la presenza amministrativa sull’Isola e soprattutto verserà le imposte – solo di Iva circa 30 milioni all’anno – in Sardegna, generando rilevanti entrate per le casse regionali”.

La decisione dell’assemblea degli azionisti arriva dopo meno di due mesi dall’annuncio della convenzione sottoscritta tra Tirrenia e la Regione Sardegna a fine luglio. Un protocollo che individuava dieci attività promozionali tra cui tariffe ridotte del 50% rispetto a quelle per i “residenti” sulla linea Cagliari-Civitavecchia nel periodo invernale (in cui sono previsti tre viaggi settimanali) e blocco dei costi per le merci sulle tratte principali dirette a Genova, Livorno, Napoli e sempre a Civitavecchia. Non solo: il biglietto residenti verrà applicato agli emigrati sardi su tutte le rotte per la Sardegna e nel periodo estivo anche su Genova-Porto Torres e su Civitavecchia-Olbia, linee non in convenzione dove pertanto non esiste obbligo di riduzioni. L’accordo, che contiene anche vari correttivi sulla frequenza delle tratte gestite dalla Tirrenia, è già valso alla regione nuovi posti di lavoro: quest’estate sono stati chiamati all’imbarco “sessanta marittimi dai registri della Gente di mare delle capitanerie sarde”, ha fatto sapere Pigliaru. Ettore Morace, presidente e amministratore delegato di Compagnia Italiana di Navigazione (Cin), che nel 2011 ha rilevato la ex società pubblica Tirrenia, ha commentato: “Sin dal nostro insediamento, abbiamo lavorato affinchè la Sardegna, nostra principale destinazione, avesse un ruolo centrale nello svolgimento delle nostre attività: lo riteniamo giusto e doveroso”.

Tirrenia da giugno sta attraversando una vertenze legale che vede Vincenzo Onorato, armatore della Moby e azionista di maggioranza relativa di Cin col 40% delle quote, opposto al fondo d’investimenti Clessidra di Claudio Sposito (35%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Istat, fiducia dei consumatori in lieve aumento rispetto al mese precedente

next
Articolo Successivo

Air France, dopo dieci giorni di sciopero dei piloti l’azienda fa marcia indietro

next