Una vera e propria mutua per combattere la ‘ndrangheta e il sistema della finanza speculativa. È questo l’obiettivo del movimento antimafia “Reggio non tace” e dell’associazione “Microdànisma” che hanno presentato il progetto della “Mag delle Calabrie“, una sorta di “banca etica“, la prima Mutua di autogestione del denaro che nascerà nel Sud Italia. Chi vorrà, potrà sottoscrivere le quote a partire da 25 euro che serviranno per il deposito di 600mila euro imposto dalla Banca d’Italia e per raccogliere i capitali per sostenere iniziative economiche solidali e culturali aventi un impatto ambientale e sociale positivo. A chi è impedito l’accesso al credito da parte delle banche si potrà rivolgere alla “Mag delle Calabrie”. Padre Giovanni Ladiana, di “Reggio non tace” non ha dubbi: “La Mag nascerà entro Natale. Uno dei modi con cui la ‘ndrangheta vince è tenere sotto scacco l’economia. L’idea è di finanziare i progetti di quei giovani che da soli non ce la possono fare”. “Si tratta di una sorta di cooperative che realizzano processi di finanza partecipata dal basso. – spiega Gianni Votano dell’associazione “Microdànisma” – Non è un’operazione commerciale orientata al lucro, ma si crea un circuito di solidarietà ed è finalizzata al rilancio dell’economia reale. Può essere considerato uno strumento di contrasto all’usura”  di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Falsi invalidi nell’esercito: “Uno gioca a calcio, l’altro fa lo showman di notte”

prev
Articolo Successivo

Migranti: caro Mediterraneo, ti scrivo una lettera dal Sahel

next