Alberto-Contador-VueltaAlberto Contador ha vinto la Vuelta per la terza volta in carriera. Tre su tre lo score del fuoriclasse spagnolo nella corsa di casa. Ha infatti partecipato nel 2008, 2012 e 2014, e ha sempre vinto. Cammino netto anche al Giro d’Italia, due partecipazioni, nel 2008 e nel 2011 e due vittorie (quello del 2011 gli è stato però revocato). Al Tour de France, l’università del ciclismo, la media di Contador si abbassa ma rimane sensazionale perché a fronte di 7 partecipazioni ci sarebbero 3 successi (quello del 2010 revocato) ma si potrebbe anche non considerare la partecipazione del 2005, quella d’esordio che vide un giovanissimo Contador arrivare 30° e l’ultima conclusasi anzi tempo per la caduta. In sintesi su 10 corse a tappe Alberto ne ha vinte 8 (6 per le squalifiche). L’80% di successi e dal 2007 a oggi, una ogni anno l’ha portata a casa, fatta eccezione per l’orribile stagione 2013.

La statistica serve a supportare un’evidenza che lascia pochi dubbi sulla classe di un corridore che se è in forma, non fallisce l’obiettivo ma arriva primo altrimenti, è successo solo due volte al Tour, non sale sul podio (5° e 4° nel 2011 e 2013). Ha vinto da favorito, da dominatore, da outsider e anche quando non era il più forte di gambe. Nel 2012, al rientro dalla squalifica, partecipò alla Vuelta e la vinse, strappandola a Valverde e Rodríguez grazie a un colpo di mano in pianura. Di testa, Alberto è ancora il più forte perché sa quando osare e quando centellinare le energie, quando marcare stretto l’avversario o concedergli un attimo di tregua per poi colpirlo al momento giusto, col suo colpo di pistola.

Il pistolero ha giustiziato Froome, Valverde e Rodríguez in questa Vuelta 2014 iniziata con molte perplessità sulla tenuta del ginocchio e finita in maglia rossa sul gradino più alto del podio di Santiago de Compostela. Poco più in basso Chris Froome che è tornato a essere competitivo dopo il Tour vinto nel 2013 ma ha dato l’impressione di aver modificato ancora qualcosa nel suo modo di correre e probabilmente nella preparazione. Discorso diverso per Valverde che ha colto un podio (il sesto in carriera alla Vuelta) che non consola di certo la Movistar partita con Quintana capitano e Alejandro di spalla. Rodríguez, quarto e mai protagonista, potrebbe essere al canto del cigno visti i suoi 35 anni, di certo per quanto riguarda le corse a tappe che hanno invece trovato un sicuro protagonista dei prossimi 10 anni.

Fabio Aru, il sardo di Villacidro ha confermato quanto di buono fatto al Giro e nonostante non sia salito sul podio, i due successi di tappa hanno evidenziato ancor di più le caratteristiche di un 24enne con il cervello di un veterano. Sa quando scattare in salita, e se parte non spreca energie. E’ veloce nel capire le situazioni di corsa e se si rende conto di essere inferiore salva la gamba e va del suo passo. Il 5° posto di oggi è un’ipoteca sul futuro perché davanti a lui, il più giovane è Froome che va per i 30 anni. I tifosi italiani sperano di vederlo presto al fianco di Nibali perché i due, insieme, sarebbero una coppia temibile per tutti e potenzialmente molto spettacolare. Già al Mondiale di Ponferrada, la coppia dell’Astana potrebbe fare le prove generali per un sodalizio di successo, per gli appassionati italiani ci sarà da divertirsi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mennea Day: per non dimenticare Città del Messico

next
Articolo Successivo

Volvo Ocean Race, l’italiano Alberto Bolzan unico velista tricolore della regata

next