Quest’anno dopo una vacanza di mare passata in Grecia all’insegna del kitesurf, dell’enduro e del parapendio (contornato da buon pesce a prezzi stracciati, ombrelloni e lettini gratis, grande cortesia, acqua pulita e poca gente, alla faccia delle coste toscane e sarde, ove andavo gli anni passati, sempre più care…), avevo davvero voglia di “staccare” con il mondo intero, prima di iniziare il nuovo anno lavorativo. Ho scelto come meta un agriturismo, ricavato nello storico mulino Marghen, nelle colline tra la Toscana e la Liguria. E, come spesso accade, quando meno te lo aspetti, ti riconcili con il tuo amato Paese, scoprendo realtà inimmaginabili.

Boschi di castagni, un fiume gelato e poco profondo, dove fare il bagno in anfratti da dividere solo con le trote, un vecchio mulino ad acqua ristrutturato con 5 stanze, un ponte pedonale in pietra che ti divide dalla civiltà, due imprenditori (Adriana e Martin, lei romana, lui inglese) con le loro due figlie, un cane nero e  simpaticissimo, tre pony alti un metro circa, oltre a terreno, orto, buon cibo.

Cosa fare? Tutto e niente.

Si può provare l’esperienza unica di condividere una giornata con i pastori del luogo: pascolo, pic-nic, mungitura e piccoli lavori di routine. Di andare a visitare le bellissime valli di Zeri (con i prati di Zum Zeri e gli stretti di Giaredo) o la storica Pontremoli. Di fare una passeggiata in mountain bike con Martin. Di raccogliere more e lamponi. Di pescare trote. Di fare marmellate con Adriana. Di aiutare a recuperare i pony scappati dal recinto. Di avventurarsi in parapendio o, semplicemente, fare una passeggiata nei boschi o leggere un buon libro sul prato. E se capiti nel periodo in cui si festeggia qualcosa, capita anche di essere invitati a condividere una grigliata di compleanno, tra risate, bevute e mangiate.

È incredibile come con semplicità, motivazione e cortesia una coppia che ha deciso di cambiare vita sia riuscita, con pochi mezzi, a fare del buon turismo, facendo da faro ad una terra ancora troppo poco conosciuta – la Lunigiana – in cui sono riusciti a portare persone da tutto il mondo: nel libro degli ospiti i messaggi entusiasti vanno dall’inglese, al tedesco, allo spagnolo, ecc., sino al cinese!

I prezzi… beh tutta la valle di Zeri è una buona alternativa italiana alla convenientissima Grecia. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benvenuto settembre!

next
Articolo Successivo

Nutelleria nella Grande Mela: aprirà a Park Slope nel cuore di Brooklyn

next