Oggi parliamo di seno. Di titte, di puppe. Come non ricordare il bravissimo Francesco Nuti che canta la sua canzone d’amore.

Instagram pullula di selfie di femmine più o meno poppute. E i capezzoli, secondo la policy severissima vigente anche su Facebook, non si possono mostrare. Seguo account di playmate vintage, di pin up degli anni 50 con seni enormi e vitine da vespa. Tutte censurate/ricamate da stelline, puntini, annebbiamenti, fiori etc.

Un giorno leggo della bellissima e geniale iniziativa della Fondazione Ant in cui si invitano le donne a fotografarsi, “censurarsi” e postare sul web una loro foto seguita dall’hashtag #touchthem, ma soprattutto a guardare il tutorial sull’autopalpazione e proseguire la prevenzione effettuando esami specifici come mammografie ed ecografie a seconda dell’età.

Quindi, da donna, invito tutte le lettrici a rispondere a questo annuncio e a postare il proprio seno su Instagram, seguendo la procedura suggerita.

Detto ciò, bisogna sensibilizzare anche i mariti, i fidanzati, i compagni, i trombamici. Perché il nostro seno è prezioso e perché il cancro è sempre in agguato. Quindi facciamo un gioco. Visto che sotto sotto gli uomini almeno una volta nella vita desiderano sentirsi donne, perché non curiosare tra i fantastici siti per travestitismi e scoprire un mondo dedicato al seno “da indossare”?Hijra Pride 2014 - Bangladesh

Seno di silicone autoadesivo descritto così: una riproduzione perfetta di un seno femminile, soffice come seta, si muove come un seno vero, un portamento perfetto e confortevole. Perfezione “Made in Germany”

Seni leggermente pendenti da indossare: Seni naturali pendenti,modello “NATURAL”, taglie del seno disponibili C, D, F, H, J, capezzoli marroni chiari o marroni scuri

Trans bra: Un reggiseno di seni di silicone straordinario, i seni hanno un portamento perfetto anche senza attaccarli con adesivo, taglie del seno C, D, F, H, diverse lungezze del nastro XS, S, M, L

Mega seni enormi descritti così: Questi seni enormi che pesano quasi 5 kg con una lavorazione meravigliosa (qui immagino la scena di Woody Allen rincorso dalla tittona fagocitante)

Seni di silicone di prima classe: seni di silicone che non potrebbero sembrare più veri, taglie dalla B alla J. Forme a goccia (drop style) o rotondi (round style).

Seni asimmetrici: “Classic Curved”, una forma asimmetrica per un portamento perfetto , taglie B, C, D, E, F, G, H, con o senza capezzoli incorporati. La mistura del gel di silicone si può scegliere (ecco qui, io non capisco. E“mistura” fa tanto Cagliostro)

Per ciò che riguarda i capezzoli, che servono a completare il collage, la scelta è vasta: lavorati in modo realistico, auto-adesivi, color carne, rosa, marrone-chiaro, marrone-rosso, marrone-scuro, marrone-nero, con diverse misure dell’areola, lunghezza dei capezzoli fino a 2 cm. I seni si incollano con spray medicinale apposito, nastri adesivi (alcuni con velcro ma mi chiedo se si attaccano ai peli o a cosa).

Infine leggo la parte relativa alla gommapiuma: “Plantari di gommapiuma convenienti e durevoli in taglie B, C, D con una altezza piccola incorporata del capezzolo, da portare come plantari” Sarà che penso ai piedi di mia madre o ai Muppets.

Concludo, sperando vi siate fatti un sorriso e chiedendomi se li indossereste. Voi, amiche oltre al sorriso, non dimenticate l’autopalpazione e fatevi un bel selfie “tittoso” cliccando qui.

Potete seguirmi anche sul mio sito http://www.sensualcoach.it/

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dixit, l’idea di uno psichiatra per ridare significato all’immaginazione giocando

next
Articolo Successivo

Sesso e social: ecco come cambiano le abitudini della coppia

next