Pezzi di pane. Si chiama così il nuovo punto vendita di “Buoni dentro”, il laboratorio-bottega di panificazione e pasticceria nato due anni fa all’interno dell’Istituto penale minorile C. Beccaria. Il progetto offre la possibilità ai ragazzi che hanno commesso degli errori di imparare a fare una cosa buona: il pane. Il principio che lo anima si riassume in una frase: “Non assumiamo persone per produrre il pane, produciamo pane per creare occupazione”. L’obiettivo è infatti quello di creare opportunità concrete di lavoro, inteso come conoscenza, saper fare, esperienza e relazioni, che permetta ai ragazzi di puntare a un cambiamento possibile e di sperare in qualcosa di bello per il futuro.

In un percorso di sei mesi, due giovani ospiti apprendono ed esercitano un antico mestiere, quello del panettiere-pasticcere, in un contesto relazionale di fiducia e allo stesso tempo di responsabilità. Sotto la guida esperta di un sapiente mastro artigiano, affiancato da un formatore, preparano “mani in pasta” non solo pagnotte, ma anche focacce, panettoni, biscotti e colombe, con ingredienti di qualità. Un po’ come accadeva nelle antiche botteghe rinascimentali, dove l’esperto tramandava agli allievi principianti saperi e segreti, con la prospettiva di diventare autonomi, superando in bravura il maestro. Non solo imparando a fare un pane buono, ma anche a saperlo vendere.

colomba

Ed è proprio in questo che si stanno cimentando ora i ragazzi del Beccaria: produrre e vendere al pubblico il frutto del loro lavoro. Fino a pochi mesi fa il pane e le focacce sfornate dal laboratorio venivano consumate all’interno dell’Istituto, mentre i dolci tradizionali realizzati in occasione delle festività, panettone per Natale e colomba per Pasqua, erano venduti per lo più nel circuito dell’economia solidale dei GAS. I risultati sono sempre stati ottimi e molto apprezzati, tanto da ricevere il marchio del “Panettone Tipico della Tradizione Artigiana Milanese”, rilasciato dalla Camera di commercio di Milano insieme al Comitato dei Maestri Pasticceri Milanesi.

Dagli inizi di febbraio, quando il negozio ha aperto i battenti in Piazza Bettini, nella zona ovest di Milano, sono i ragazzi stessi a servire direttamente i clienti. Due per turno, gestiscono gli ordini, la cassa, maneggiano denaro, come dei veri e propri imprenditori. Un percorso completo, che intreccia apprendimento e lavoro, nato grazie all’attività svolta dalla Fondazione Enaip (l’ente di formazione professionale delle Acli) e dalla collaborazione con la Fondazione Eris, la Cooperativa Co.A.FRA della Cascina Nibai di Cernusco sul Naviglio, l’Associazione Panificatori di Milano e Provincia, Linklaters e altri soggetti privati. Una scommessa per dare ai ragazzi che hanno sbagliato strada la possibilità di rimettersi in gioco, uscendo dalle mura del carcere e confrontandosi con il mondo esterno, quello del lavoro, dove è ancora possibile inserirsi valorizzando le proprie capacità, per seguire la strada dell’onestà e del rispetto delle regole. Nonostante gli sbagli commessi.

di Vanna Sedda

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Viaggi: alla scoperta di Utrecht

prev
Articolo Successivo

Unesco, la pizza napoletana è la candidata italiana al Patrimonio dell’Umanità

next