Per Gianluigi Buffon, l’anno non è finito con i mondiali di Rio. La società di revisione Kpmg non ha certificato la semestrale del gruppo Zucchi, di cui il portiere della Juve è il singolo maggiore azionista con il 12 per cento. Kpmg non è in grado di esprimersi sulla conformità del bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 “al principio contabile internazionale applicabile per l’informativa finanziaria infrannuale adottato dall’Unione europea” a causa del fatto che “il presupposto della continuità aziendale è soggetto a molteplici significative incertezze”.

È quanto scrive la società di revisione nella relazione di bilancio, che ha evidenziato per il Gruppo Zucchi una perdita di primo semestre pari a 11,8 milioni di euro, contro il rosso di 15 milioni dello stesso periodo del 2013. Anche i ricavi del gruppo hanno subito una contrazione importante: rispetto al giugno dello scorso anno si sono ridotti da 71 a 62 milioni. La borsa, però, non reagisce significativamente alla comunicazione e cede de 2%.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Renzi, Guardian: “Il prossimo problema della Bce è salvare l’Italia”

prev
Articolo Successivo

Antitrust, istruttoria su servizi accessori a pagamento di Tim e Vodafone

next