A distanza di circa una settimana dalla denuncia della associazione ‘Tutti a scuola’ sulla incredibile formazione di una classe della scuola primaria di una cittadina della provincia di Napoli formata da 22 alunni con quattro bambini disabili registriamo una significativa presa di posizione da parte del responsabile nazionale del welfare e scuola del Pd on. Davide Faraone.

Non è accettabile – dichiara Faraone- che si formino classi differenziali per i disabili nella scuola italiana. Non è possibile accettare violazioni degradanti e indegne di un Paese civile. Ad esempio è inaccettabile che a Napoli, nella terza sezione A dell’Istituto comprensivo De Ruggero di Brusciano, risultino iscritti quattro alunni disabili su un totale di 22. Il provveditorato deve immediatamente intervenire, sdoppiando la classe. Altrimenti, sappiamo già come finirà: da settembre, 4 bambini disabili, trascorreranno il loro tempo fuori dalla classe, con un insegnante di sostegno, magari non di ruolo e poco specializzato. 
Non tollereremo la formazione di classi speciali non “ufficializzate”, ma “di fatto”. La scuola italiana è la scuola dell’inclusione, non della “deportazione”.

Invitiamo i cittadini a segnalare alla mail welfare@partitodemocratico.it, i casi di scelte culturalmente e socialmente scellerate“.

Le parole dell’onorevole Faraone vanno sicuramente nella giusta direzione, significativo è anche l’invito rivolto ai cittadini, alle scuole, alle associazioni a segnalare condizioni come quella della scuola di Brusciano.

Ora la responsabilità delle decisioni, come scrivevo nel post precedente, ricadono tutte sul ministro Giannini.

Al ministro, tuttavia, è richiesto un intervento e non un comunicato stampa. Questo però sembra un buon inizio per riaffermare i valori della scuola di tutti.

Complimenti on. Faraone, continui così!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili, 22enne fiorentino lancia l’hashtag #vorreiprendereiltreno

next
Articolo Successivo

Egitto, il declino dei diritti umani un anno dopo la deposizione di Morsi

next