A distanza di circa una settimana dalla denuncia della associazione ‘Tutti a scuola’ sulla incredibile formazione di una classe della scuola primaria di una cittadina della provincia di Napoli formata da 22 alunni con quattro bambini disabili registriamo una significativa presa di posizione da parte del responsabile nazionale del welfare e scuola del Pd on. Davide Faraone.

Non è accettabile – dichiara Faraone- che si formino classi differenziali per i disabili nella scuola italiana. Non è possibile accettare violazioni degradanti e indegne di un Paese civile. Ad esempio è inaccettabile che a Napoli, nella terza sezione A dell’Istituto comprensivo De Ruggero di Brusciano, risultino iscritti quattro alunni disabili su un totale di 22. Il provveditorato deve immediatamente intervenire, sdoppiando la classe. Altrimenti, sappiamo già come finirà: da settembre, 4 bambini disabili, trascorreranno il loro tempo fuori dalla classe, con un insegnante di sostegno, magari non di ruolo e poco specializzato. 
Non tollereremo la formazione di classi speciali non “ufficializzate”, ma “di fatto”. La scuola italiana è la scuola dell’inclusione, non della “deportazione”.

Invitiamo i cittadini a segnalare alla mail [email protected], i casi di scelte culturalmente e socialmente scellerate“.

Le parole dell’onorevole Faraone vanno sicuramente nella giusta direzione, significativo è anche l’invito rivolto ai cittadini, alle scuole, alle associazioni a segnalare condizioni come quella della scuola di Brusciano.

Ora la responsabilità delle decisioni, come scrivevo nel post precedente, ricadono tutte sul ministro Giannini.

Al ministro, tuttavia, è richiesto un intervento e non un comunicato stampa. Questo però sembra un buon inizio per riaffermare i valori della scuola di tutti.

Complimenti on. Faraone, continui così!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Disabili, 22enne fiorentino lancia l’hashtag #vorreiprendereiltreno

prev
Articolo Successivo

Egitto, il declino dei diritti umani un anno dopo la deposizione di Morsi

next