Un tatuaggio per non dimenticare. Questo dev’essere stato lo spirito che ha spinto Pinilla, attaccante del Cile, a incidere sul suo corpo la traversa che ha colpito al 120′ contro il Brasile. Se il pallone fosse andato in rete, infatti, la sua nazionale avrebbe conquistato i quarti di finale, traguardo che manca dal 1962. Oltre all’immagine, l’attaccante del Cagliari ha deciso di scrivere una frase emblematica: “Ad un centimetro dalla gloria”.

A decidere di comunicare questa particolare e stravagante decisione di Pinilla è stato direttamente il tatuatore tramite un tweet in cui ha immortalato il tatuaggio stesso. L’attaccante del Cagliari infatti si è recato a Santiago del Cile in patria e qua ha deciso di tatuarsi questo momento che resterà impresso nelle menti e nei cuori di tanti tifosi cileni, che rivivranno con rammarico la traversa colpita dall’attaccante allo scadere dei supplementari.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mustafi, mondiale finito agli ottavi di finale per una lesione muscolare

next
Articolo Successivo

Argentina – Svizzera, è derby Papa-guardie svizzere

next