Un tatuaggio per non dimenticare. Questo dev’essere stato lo spirito che ha spinto Pinilla, attaccante del Cile, a incidere sul suo corpo la traversa che ha colpito al 120′ contro il Brasile. Se il pallone fosse andato in rete, infatti, la sua nazionale avrebbe conquistato i quarti di finale, traguardo che manca dal 1962. Oltre all’immagine, l’attaccante del Cagliari ha deciso di scrivere una frase emblematica: “Ad un centimetro dalla gloria”.

A decidere di comunicare questa particolare e stravagante decisione di Pinilla è stato direttamente il tatuatore tramite un tweet in cui ha immortalato il tatuaggio stesso. L’attaccante del Cagliari infatti si è recato a Santiago del Cile in patria e qua ha deciso di tatuarsi questo momento che resterà impresso nelle menti e nei cuori di tanti tifosi cileni, che rivivranno con rammarico la traversa colpita dall’attaccante allo scadere dei supplementari.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mustafi, mondiale finito agli ottavi di finale per una lesione muscolare

prev
Articolo Successivo

Argentina – Svizzera, è derby Papa-guardie svizzere

next