“Nessun passo indietro sulla sostituzione di Corradino Mineo, ma riconosciamo che l’articolo 67 della Costituzione sull’assenza di vincolo di mandato per noi è sacro”. Così il capogruppo del Pd al Senato, Luigi Zanda, dopo l’incontro con i 14 senatori autosospesi in seguito all’avvicendamento nella commissione affari Costituzionali di Mineo e Vannino Chiti, contrari alla riforma del Senato proposta dal governo. “La sostituzione è avvenuta non per violazione dell’articolo 67 – spiega Chiti – ma per altri motivi su cui comunque rimaniamo critici”. Oggi 17 giugno i 14 dovrebbero decidere sulla fine dell’autosospensione   di Annalisa Ausilio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

D’Alema: “Il Berlusconismo è la forma egemone di tutta la politica italiana”

next
Articolo Successivo

D’Alema a Friedman: “L’economia andava bene quando il Paese era guidato dai partiti”

next