“Nessun passo indietro sulla sostituzione di Corradino Mineo, ma riconosciamo che l’articolo 67 della Costituzione sull’assenza di vincolo di mandato per noi è sacro”. Così il capogruppo del Pd al Senato, Luigi Zanda, dopo l’incontro con i 14 senatori autosospesi in seguito all’avvicendamento nella commissione affari Costituzionali di Mineo e Vannino Chiti, contrari alla riforma del Senato proposta dal governo. “La sostituzione è avvenuta non per violazione dell’articolo 67 – spiega Chiti – ma per altri motivi su cui comunque rimaniamo critici”. Oggi 17 giugno i 14 dovrebbero decidere sulla fine dell’autosospensione   di Annalisa Ausilio

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

D’Alema: “Il Berlusconismo è la forma egemone di tutta la politica italiana”

next
Articolo Successivo

D’Alema a Friedman: “L’economia andava bene quando il Paese era guidato dai partiti”

next