Restituire a Riccardo la dignità, la sua figura integra e non sporcata da quello che nelle ore successive alla sua morte hanno tentato di cucirgli addosso. La battaglia della famiglia Magherini, oltre che per la verità su quanto accaduto la notte tra il 2 e il 3 marzo scorso, in Borgo San Frediano a Firenze, è perché il piccolo Brando, che oggi ha due anni e mezzo, un domani possa sapere chi era suo padre. Quella notte Riky, come lo chiamano gli amici di una vita, era da solo ed era in preda a un attacco di panico. Aveva bisogno di aiuto, non di manette. E invece l’hanno fermato in quattro, con la divisa dell’Arma, e mentre lui chiedeva di chiamare un’ambulanza lo lasciavano ammanettato, faccia a terra e petto nudo sull’asfalto. Tanti i testimoni di quella notte, quelli che non si sono voluti girare dall’altra parte. Due di loro – è notizia di ieri – sarebbero anche stati intimiditi al momento della verbalizzazione: in un caso i carabinieri avrebbero omesso di scrivere dei calci sferrati al ragazzo, nell’altro la persona sarebbe stata chiamata a testimoniare contro Riccardo, nel procedimento che hanno cercato di intentargli da morto. Il fratello Andrea, che ieri col padre Guido ha voluto accostarsi alla Festa per il Bicentenario dell’Arma, ha voluto ripercorrere con ilfattoquotidiano.it gli ultimi momenti della vita di Riky  di Max Brod e Silvia D’Onghia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mose, soldi della coop Coveco anche a fondazione Scola: ‘Regolari soci sostenitori’

next
Articolo Successivo

Barracciu, il Gip dice no all’interdizione L’ex consigliere sardo resta sottosegretario

next