È stato un consiglio comunale accesissimo quello che è stato celebrato lunedì pomeriggio a Venezia. Il primo senza Giorgio Orsoni, agli arresti domiciliari per gli addebiti che gli sono stati rivolti nell’ambito della maxi inchiesta sul Mose. In consiglio si sono presentati rumorosi e battaglieri anche alcuni cittadini, molti con dichiarate simpatie per di destra, per chiedere le dimissioni dell’intera giunta. Nel difficile compito di aprire le danze il vicesindaco Sandro Simionato: “Venezia non si merita l’immagine di città corrotta – ha detto -, noi siamo i primi a volere chiarezza, siamo sempre stati in prima fila nel chiedere procedure più limpide”. Come lui anche altri membri della maggioranza di centrosinistra si sono prodigati nel sottolineare come i fatti contestati ad Orsoni riguardino non il suo ruolo di sindaco, ma quello di candidato, cercando così di allontanare le ombre da giunta e consiglio. Dalle opposizioni invece gli attacchi sono fermi e senza appello e vanno tutti in un’unica direzione: le dimissioni. La stessa direzione indicata a gran voce anche dal pubblico, che ha spesso interrotto con grida e insulti gli interventi dei componenti della maggioranza. “È un momento molto difficile per la nostra città – ha spiegato Simionato – nessuno si aspettava una situazione di questo genere, dobbiamo lavorare per uscirne, nella direzione migliore per i cittadini”  di Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Livorno, operai e portuali voltano le spalle al Pd e scelgono M5s

next
Articolo Successivo

La vignetta del giorno: Addio Livorno

next