“La storia ci dice che una quantità enorme di regole non ha mai risolto, in nessun caso, i problemi che avevamo di fronte. Noi abbiamo bisogno normative certe”. Con queste parole il Ministro al lavoro e alle politiche sociali, Giuliano Poletti, si dimostra favorevole alla ricetta delle “meno regole” per lottare contro la corruzione e la mala gestione della cosa pubblica. Partecipando a Milano a un convegno con Susanna Camusso, Segretario generale della Cgil, da quest’ultima si sente però ribattere: “Non è che ci vogliono meno regole, ci vogliono regole certe e queste oggi non lo sono. Penso al principio del ‘massimo ribasso’ per gli appalti pubblici, una cosa che sta dando più problemi che soluzioni”  di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gattatico, Veltroni presenta il suo libro: “Tra Berlinguer e Napolitano non c’era rivalità”

next
Articolo Successivo

Del Debbio: “Delfini di Berlusconi? Non esistono, vedo solo tanti pesci sega”

next