“È un dato che è figlio della crisi che abbiamo alle spalle, ma resta il fatto che abbiamo bisogno di una ripresa molto più forte di quella che stiamo registrando perché, diversamente, in questa fase non verrà prodotta alcuna occupazione”. Con queste parole, Giuliano Poletti, ministro del Lavoro e delle politiche sociali del Governo Renzi, commenta a Milano i dati diffusi oggi dall’Istat e che parlano di una disoccupazione giovanile salita al 46 per cento. Di fronte però alla correzione della nostra politica finanziaria attraverso una manovra correttiva, il ministro è categorico: “Manovre aggiuntive? No proprio. Indurrebbero nuova austerity e quindi deprimerebbero ulteriormente la ripresa”  di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FI, Martino: ‘Da ministro firmai direttiva europea senza leggerla. Dio mi perdoni’

next
Articolo Successivo

Riforma Senato, Finocchiaro: “Troveremo accordo”. Ma la minoranza Pd resiste

next