A sopresa Grillo torna in Rai nel salotto della trasmissione di Vespa, ecco il racconto degli utenti su Twitter: l’attesa per l’evento, l’inizio della trasmissione, i giudizi su Vespa giornalista, i commenti più salienti alle parole di Grillo, l’arrivo dei dati d’ascolto, il giorno dopo è l’ora dei bilanci, il gioco di chi ha vinto e chi ha perso…
L’intervista di Bruno Vespa a Beppe Grillo è un successo d’ascolti non solo in tivù: le conversazioni su Twitter hanno fatto registrare quasi centomila mentions nell’arco della giornata, i commenti hanno poi accompagnato l’ora di trasmissione.
Abbiamo raccolto le conversazioni più salienti emerse dai 3 hashtag della serata televisiva (#Portaaporta che è l’hashtag ufficiale della trasmissione, #Grillo, #GrilloinVespa lanciato nel pomeriggio dal team di @AlfabetoGrillo).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spot elettorali per le europee: da guardare a proprio rischio e pericolo

prev
Articolo Successivo

Elezioni Europee 2014: una pizza vale più di un bimbo disabile presidente Renzi?

next