La giungla, la natura selvaggia (e l’umidità) dell’Amazzonia. La storia e il mare del Pernambuco. Le spiagge e la movida del Rio Grande do Norte. Tradotto: Manaus, Recife e Natal, ovvero dove l’Italia di Cesare Prandelli disputerà la fase a gironi del Mondiale brasiliano rispettivamente contro Inghilterra, Costa Rica e Uruguay. Gli azzurri scenderanno in campo il 14 giugno a Manaus, il 20 giugno a Recife e il 24 giugno a Natal. Ecco cosa ammirare in questa tre città brasiliane, nell’attesa di vedere all’opera Balotelli e compagni. E, soprattutto, ecco come raggiungere i tre centri.

Manaus
E’ la capitale dell’Amazzonia, posta sulla riva del Rio Negro, che confluirà nel Rio delle Amazzoni. Impossibile non andare alla spiaggia di Ponta Negra, distante una quindicina di chilometri da Manaus. Si tratta del più celebre lido fluviale nei dintorni di Manaus: grattacieli sullo sfondo, campi da gioco, ristoranti e bar. Non solo sabbia: il Teatro Amazonas, il Mercado Municipal, il Palacio Rio Negro, il Museu do Indio.

Recife
Nel nordest del Brasile, capitale del Pernambuco, stato simbolo per il turismo marittimo: a Recife si incontrano passato e futuro, ma in copertina ci vanno sempre le spiagge. Come quella di Boa Viagem, prototipo del divertimento dello stato sudamericano: acqua incantevole, natura tropicale e tanto altro. Il centro storico offre viuzze strette e bellissimi patii: da non perdere i quartieri di Sao Josè, Santo Antonio, Recife (omonimo) e Poco da Panela.

Natal
Ed eccoci nel Rio Grande do Norte: la movida ruota intorno alla Praia de Ponta Negra e alla Praia dos Artistas. E ancora: occhio al Morro do Careca, pittoresca duna di sabbia, mentre se preferite la tranquillità ecco Praia da Barreira d’Agua. Se avete un po’ di tempo: l’arcipelago di Fernando de Noronha dista poco più di un’ora d’aereo dalla città, parco protetto composto da 21 isole. Un paradiso naturale vero e proprio, per ammirare delfini, cormorani  e tartarughe.

I collegamenti
Da Manaus a Recife, all’inseguimento degli azzurri. Per spostarsi fra le due città occorre necessariamente prendere un volo: Tam Airlines (la più grande compagnia brasiliana) e Azul Linhas Aéreas (vettore low cost) percorrono la tratta in quasi quattro ore (senza scali). Dalla capitale del Pernambuco è possibile raggiungere Natal via terra, con un autobus: sono circa 300 i chilometri che separano le due città, tutti da percorrere lungo la costa orientale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Brasile 2014, il breviario delle informazioni utili: voli, treni, passaporto e biglietti

next