Silvio Berlusconi salterà l’apertura della campagna elettorale a Bari. Secondo quanto riferisce il sito internet del quotidiano Avvenire, dai magistrati di sorveglianza non sarebbe arrivata la deroga per consentire all’ex Cavaliere la trasferta nel capoluogo della Puglia domenica per la manifestazione elettorale del capolista di Forza Italia al Sud Raffaele Fitto. Berlusconi pensa a un collegamento video per domenica, ma lo stop dei magistrati l’avrebbe fatto andare su tutte le furie. Oggi, mentre nella struttura di Cesano Boscone si decideva il suo impiego nell’assistenza ai malati di Alzheimer, l’ex premier ha fatto rientro a Roma, per riunire i vertici azzurri a palazzo Grazioli (dove il Cav può risiedere dal martedì al giovedì).

La ‘stretta’ sui comizi non frena però la presenza in tv di Berlusconi, che già nei prossimi giorni tornerà a occupare il video. Sempre in video – in questo caso conferenza – l’ex premier dovrebbe comparire anche in Sicilia, per presenziare ad almeno un evento della campagna. Berlusconi – ha detto Gianfranco Micciché al termine dell’incontro a Palazzo Grazioli “ha espresso la volontà di partecipare in videoconferenza ad un incontro nell’isola. E’ amareggiato – continua Miccichè – perché sa che non potrà essere fisicamente in Sicilia a causa delle restrizioni imposte dal tribunale. Nonostante l’amarezza, è costantemente al lavoro ed è certo dell’ottimo risultato di Forza Italia”. 

 

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sondaggi elettorali, Berlusconi ai domiciliari? “Aumenterebbe i suoi voti”

prev
Articolo Successivo

Europee 2014, Grillo: “A piazza San Giovanni chiusura campagna elettorale”

next