Il governo non ha allo studio alcun intervento sul canone Rai. Lo hanno riferito alle agenzie di stampa fonti di palazzo Chigi che hanno smentito le ipotesi in merito  a un provvedimento allo studio per il recupero dell’evasione del canone Rai, da inserire nel decreto per gli 80 euro in busta paga. “E’ un’eventualità non prevista e notizia destituita di ogni fondamento”, è stata la precisazione. 

Le indiscrezioni circolate parlavano di varie ipotesi allo studio, per dare garanzie alla Corte dei Conti sul recupero di risorse che andrebbero a finanziare i provvedimenti annunciati dal governo. Tra le quali la possibilità di legare il pagamento del canone non più alla detenzione dell’apparecchio, ma o al pagamento della bolletta elettrica o – e questa sarebbe stata la soluzione caldeggiata dal commissario alla spending review Carlo Cottarelli e da Viale Mazzini – al nucleo familiare. Mentre l’introito eventualmente recuperato, sarebbe stato stimato intorno ai 300 milioni di euro, che sarebbe dovuto andare per metà al Tesoro e per metà alla Rai.

Il recupero potenziale, sempre secondo le indiscrezioni, è di 600 milioni di euro e riguarda il 26,5% dei nuclei familiari (pagano attualmente il canone il 68,7% dei nuclei, pari a 16 milioni e mezzo, con un gettito complessivo di 1,7 miliardi di euro). Il recupero stimato è però di 300 milioni di euro. Per un gettito di appunto 150 milioni. Sul canone speciale, in particolare, si è parlato di un recupero di 100 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nomine, gli italiani lo fanno peggio. Per l’Ocse al top Svezia, Israele Nuova Zelanda

prev
Articolo Successivo

Poltrone di Stato, Marcegaglia: ‘Nessun conflitto di interessi fra il mio gruppo e Eni’

next