Come volevasi dimostrare. Un anno fa l’avevamo detto, ma in verità non era difficile immaginarlo: “Ci sono luoghi dove il male ha un nome antico come la Bibbia: Gomorra”. Questo è l’incipit del trailer della serie tv di Gomorra. Basta vedere le scene e i personaggi per capire qual è l’obiettivo di questa saga: pura speculazione sulla sofferenza viva delle persone di Scampia. Ma la cosa che fa più male è la mistificazione di chi ha avallato e ha collaborato a questo schifo. Non si può e non si deve far passare questa operazione di business come l’urgenza di raccontare un territorio. Ridiamo senso e valore alle parole!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MipTv di Cannes, il grande circo dei format che vedremo in televisione

next
Articolo Successivo

Pulitzer 2014, premiati Guardian e Washington Post per lo scoop su Datagate

next