Come volevasi dimostrare. Un anno fa l’avevamo detto, ma in verità non era difficile immaginarlo: “Ci sono luoghi dove il male ha un nome antico come la Bibbia: Gomorra”. Questo è l’incipit del trailer della serie tv di Gomorra. Basta vedere le scene e i personaggi per capire qual è l’obiettivo di questa saga: pura speculazione sulla sofferenza viva delle persone di Scampia. Ma la cosa che fa più male è la mistificazione di chi ha avallato e ha collaborato a questo schifo. Non si può e non si deve far passare questa operazione di business come l’urgenza di raccontare un territorio. Ridiamo senso e valore alle parole!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MipTv di Cannes, il grande circo dei format che vedremo in televisione

next
Articolo Successivo

Pulitzer 2014, premiati Guardian e Washington Post per lo scoop su Datagate

next