E’ caos nell’Aula del Senato per la ratifica dell’accordo tra Italia-Francia per la realizzazione della ferrovia ad alta velocità Torino-Lione. Dopo aver presentato oltre 1.100 emendamenti, i senatori del M5S si iscrivono in massa a parlare e attaccano un testo che definiscono più volte “inutile” per la collettività e “favorevole solo alla mafia” visto che, come sottolinea Marco Scibona, dovendo applicarsi obbligatoriamente la legge francese sugli appalti, non si potrà più richiedere a nessuno il “certificato antimafia”. Ma è durante le dichiarazioni di voto che il clima diventa incandescente. Gli M5S, con i fazzoletti “No Tav” al collo urlano e protestano, quando gli altri cercano di parlare e gli altri reagiscono con urla e proteste altrettanto forti. Subito dopo il voto, la protesta trascende e si chiude con il coro dei senatori M5S: “Fuori la mafia dallo Stato! Fuori la mafia dallo Stato!”
(video tratto dal canale Youtube di Sara Paglini)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, Salvini inaugura sede ai Parioli: “Roma mi vesto di giallorosso”

next
Articolo Successivo

Ue, 5 capolista donne nel Pd. Bonafè: ‘Bella scommessa. Non si va lì solo a fine carriera’

next