Il mercato italiano delle due ruote tira un piccolo sospiro di sollievo. Il primo trimestre del 2014 fa segnare un +12,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con 36.250 immatricolazioni, il 58% scooter. Nel mese di marzo, addirittura, la crescita è del 28,3%, anche se su un marzo 2013 disastroso (-47% sul 2012). La ripresa di questo inizio 2014 è salutata con favore dagli operatori del settore dopo quattro anni consecutivi di contrazione: nel 2013 sono state immatricolate meno di 154mila unità fra moto e scooter, quando prima della crisi si superava agevolmente quota 400mila.

Il presidente di Confindustria Ancma (associazione nazionale ciclo motociclo accessori) Corrado Capelli denuncia l’obsolescenza del parco circolante in Italia: “Oltre il 50% dei veicoli esistenti supera i 10 anni di età, e si tratta di 4.400.000 scooter e moto. A causa della crisi economica il tasso di sostituzione dal 2007 al 2013 è passato dal 7% a poco più del 2%”. Secondo Capelli, le azioni promozionali delle case non bastano. “A questo punto, è più che mai necessario insistere affinché le istituzioni affrontino i nodi che frenano il mercato, in particolare chiediamo un efficace intervento sulle tariffe assicurative italiane, fuori controllo e non adeguate alla media europea”.

Nei primi tre mesi dell’anno i modelli più venduti sono stati gli scooter Honda SH, che la fanno da padrone nelle versioni 150, 300 e 125 (nella foto in alto) con, rispettivamente, 1.892, 1.272 e 1.122 esemplari immatricolati. Seguono la BMW R 1200 GS (876 unità) e il Piaggio Beverly 300 (870). A proposito di Piaggio: la casa di Pontedera ha appena presentato la Vespa Sprint (nella foto sotto), che si distingue dalla Primavera per i cerchi più grandi (12”) e il look più raffinato, in vendita a 3.900 euro nella versione 125 e a 2.890 euro per la 50 due tempi (100 euro in più per la quattro tempi). Con questo modello il gruppo Piaggio vuole superare le 190 mila Vespa vendute nel mondo l’anno scorso, per raggiungere quota 200 mila nel 2017.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Motor Show, l’ex patron Cazzola presenta il suo salone dell’automobile a Milano

next
Articolo Successivo

Uber, lo sciopero dei taxi si rivela un autogol: boom di download per l’app

next