Tutti i giorni per andare a lavoro attraverso sempre la stessa strada. Al semaforo è legata una bicicletta dipinta di bianco che ricorda la morte di una anziana signora investita e uccisa da un camion mentre era in sella alla sua bicicletta. Non so chi l’abbia lasciata lì, come fosse il reperto di un museo metropolitano della memoria. So solo che tutti i giorni è un pugno alla stomaco. Ecco perché ho deciso di scrivere una.

Ode al ciclista ammazzato

Vento contro i capelli
Forza contro i pedali 

Bici è pensiero che vaga
Movimento che libera 

Un film girato con i propri occhi
Di una città che è set viaggiante:
cambia come ogni pedalata,
come i volti di cui mi innamoro 

Ecco l’auto sulla via: asfalto piegato
Silenzio strappato, tensione che marcia.
Un clacson, un grugnito e freno
Col mio passo, solo, senza più strada 

Quella bici bianca come prece:
mai più vittime sulla strada

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incuria e degrado urbano: perché Roma merita di fallire

prev
Articolo Successivo

Italiani, la generazione dei finali aperti

next