“Vedo che ci sono due Italie: quella della politica e quella di chi non arriva a fine mese”. Lo afferma Flavio Briatore che dice la sua anche sull’anonimato sui social: “Su Twitter tutti dovrebbero avere un nome”. L’imprenditore attacca duramente la politica e la mancanza di investimenti per troppi anni: “Serve una strategia a lungo termine, mentre ora non c’è una strategia per il domani”. Briatore menziona anche la gomitata di Stefano Dambruoso alla parlamentare M5S Loredana Lupo e sottolinea: “I politici non si rendono conto della situazione del Paese. Le riforme non le fanno. Parlano di legge elettorale, ma chi se ne frega”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Dragoni: “L’immobilismo del governo Letta”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, De Gregorio: “Non sottovalutiamo gli insulti del blog di Grillo”

next