L’attore premio Oscar Philip Seymour Hoffman è stato trovato morto nel suo appartamento a Manhattan, nel Greenwich Village. La polizia di New York sta indagando sulla causa del decesso, ma il motivo più probabile, secondo i media americani, è da ricondurre a una probabile overdose: trovato sul pavimento del bagno, Hofmann aveva ancora la siringa nel braccio e il laccio emostatico. L’attore, 46 anni, ha ammesso in passato di avere avuto dipendenza da droga e, secondo alcune indiscrezioni, l’anno scorso aveva frequentato un centro di riabilitazione per eroinomani. Sempre nel 2013 ha ammesso in una intervista di “esserci ricascato”, dopo essere stato pulito per 23 anni.

Il sito specializzato in gossip Tmz spiega che l’attore aveva avuto problemi con la droga da giovane, ma da oltre vent’anni non aveva più assunto stupefacenti. Sarebbe ricascato nella tossicodipendenza l’anno scorso, prima con le pillole, poi con la cocaina e infine con l’eroina. A questo punto avrebbe deciso di ricoverarsi in un centro di riabilitazione. Lascia la compagna Mimi O’ Donnell e i loro tre figli, Alexander, nato a marzo 2003, Tallulah, una bimba di otto anni, e Willa, di sei.

Durante la sua carriera ha vinto l’Oscar come migliore attore per il film Truman Capote del 2005, mentre è stato nominato all’Oscar come miglior attore non protagonista per tre volte: nel 2008 per La guerra di Charlie Wilson, nel 2009 per Il dubbio e nel 2013 per The Master. Ha recitato in Profumo di donna (1992), Twister (1996), Boogie Nights (1997), Il grande Lebowski (1998), Magnolia (1999), Il talento di Mr. Ripley (1999), Almost Famous (2000), La 25esima ora (2002), Ubriaco d’amore (2002) e Ritorno a Cold Mountain (2003). Ma sono solo alcuni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A Proposito di Davis, la commedia dei Coen tutta folk e humor nero – il trailer

prev
Articolo Successivo

Philip Seymour Hoffman, morto l’attore trasformista dai mille volti

next