“Io non ho accusato le deputate del Pd: ho generalizzato. Ho detto che in Parlamento si entra così. Ed è quello che pensano tutti gli italiani”. Massimo De Rosa, il deputato del Movimento 5 Stelle si difende così dalle accuse ricevute per le sue frasi volgari rivolte alle colleghe democratiche in Commisione Giustizia (“Voi donne del Pd siete qui perché siete brave solo a fare i pompini). E lo fa arrivando all’Hotel Forum, a Roma,  dove è in corso un incontro con Beppe Grillo che ha depistato cronisti e telecamere che lo attendevano al Senato. “Ho visto – ha spiegato De Rosaper due giorni andare in tv queste deputate del Pd e mentire. La stessa denuncia contiene menzogne. Non c’era nessun commesso in commissione. Stiamo facendo una controdenuncia che verrà presentata lunedì”. Intanto un fascicolo di indagine, aperto dalla Procura della Repubblica, vede indagato per ingiurie De Rosa. Alla base la denuncia-querela del gruppo di sette deputate del Pd: Micaela Campana, Alessandra Moretti, Patrizia Giuliani, Maria Michela Marzano, Assunta Tartaglione, Chiara Gribaudo e Giuditta Pini  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Boldrini, M5S e l’autogol della sinistra

prev
Articolo Successivo

Legge elettorale, M5S squadristi? Almeno fanno opposizione

next